Le ricette di papa Francesco

di Francesco Zanotti

La visita di domenica scorsa di papa Francesco a Cesena è già entrata nella storia della città e della Diocesi. Se mai fosse possibile tentare questa ardita operazione, riassumerei il passaggio in Romagna, “terra di accese passioni politiche” l’ha definita Francesco, in due ricette e centinaia di incontri a tu per tu.

E’ stato forse quest’ultimo il dato più sorprendente della presenza del Pontefice. Nessuno si attendeva tanti colloqui così ravvicinati. Nessuno si poteva nemmeno immaginare che il Papa potesse dedicare così tanto tempo ad abbracciare, salutare, ascoltare, stringere mani e volti di quanti si sono sottoposti a una levataccia pur di non mancare a un appuntamento attesissimo.

Dal menù di lunga vita di un’arzilla suor Imelde dalle 105 primavere, alla dedica a don Sauro Rossi in carrozzina da anni fino a quella a don Walter nell’agenda dei ricordi che si apre con l’autografo di Giovanni Paolo II, è stato tutto uno spendersi senza fiato per farsi prossimo e fare avvertire la vicinanza di una Chiesa chiamata a essere ogni giorno in uscita.

Da brividi le braccia al collo e le strette di mani con numerosi disabili, non solo nella cappella della Madonna del Popolo, la patrona della Diocesi, dove erano in attesa venti ammalati con i loro accompagnatori. Sceso dal palco sistemato nella centralissima piazza del Popolo, Francesco si è piegato sulle sofferenze di una decina di portatori di handicap e ammalati. Qui l’emozione si è trasformata in commozione per il fuori programma del tutto inatteso, ma che fa parte di quel ministero incarnato dal Papa argentino tanto vicino a chi si trova emarginato o nella sofferenza.

Poi le due ricette. La prima è quella della “buona politica”, quella che si spende per il bene comune di tutti. “Una politica che non sia né serva né padrona, ma amica e collaboratrice; non paurosa o avventata, ma responsabile, quindi coraggiosa e prudente nello stesso tempo; che faccia crescere il coinvolgimento delle persone, la loro progressiva inclusione e partecipazione”.

La seconda ricetta, quella rivoluzionaria, è quella con i vecchi che sogneranno e i giovani che profetizzeranno, l’apparente paradosso preso in prestito dal profeta Gioele. Giovani e vecchi, vecchi e giovani, ha ripetuto più volte Francesco. “Questo dialogo farà miracoli” è stato il suo pressante invito. Infine l’applicazione nel quotidiano. “Un giovane che non ha imparato, che non sa accarezzare un anziano, gli manca qualcosa. E un anziano che non ha la pazienza di ascoltare i giovani, gli manca qualcosa. Tutti e due devono aiutarsi ad andare avanti insieme”.

Due ricette, anche istruzioni per l’uso, per essere davvero rivoluzionari, alla maniera di Francesco. Per dare testimonianza della gioia del Vangelo.

Corriere 35-2017

Pubblicato martedì 3 ottobre 2017 alle 18:30

Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.

Brevi quotidiane

Ultimi articoli

Ultimi interventi

Parole di Vita

Archivio Documenti