Vaccini e iscrizioni: la documentazione è requisito di accesso

Tutti a scuola vaccinati. È ciò che indica una circolare del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. E il Ministero della Salute pare non faccia sconti.

Per la frequenza ai nidi d’infanzia, servizi integrativi e ricreativi, la circolare indica che si doveva fornire entro il 10 settembre scorso al Gestore del servizio privato/convenzionato 0-3 anni idonea documentazione comprovante l’effettuazione delle vaccinazioni obbligatorie previste dalla legge in base all’età. In alternativa è necessario presentare idonea documentazione comprovante l’avvenuta immunizzazione a seguito di una malattia naturale oppure la documentazione sanitaria comprovante la sussistenza dei requisiti per l’omissione o il differimento delle vaccinazioni o una copia della formale richiesta di vaccinazione alla Asl territorialmente competente (con riguardo alle vaccinazioni obbligatorie non ancora effettuate) secondo le modalità indicate dalla stessa Asl per la prenotazione.

La presentazione della documentazione è requisito di accesso. I bambini, le cui famiglie avessero presentato copia della formale richiesta di vaccinazione alla Asl territorialmente competente (con riguardo alle vaccinazioni obbligatorie non ancora effettuate) secondo le modalità indicate dalla stessa Asl per la prenotazione, hanno accesso ai servizi, ma entro il 10 marzo 2018 dovrà pervenire al Gestore dei servizi per l’infanzia privati/convenzionati un’idonea documentazione comprovante l’effettuazione delle vaccinazioni obbligatorie. In caso contrario il minore non potrà più accedere ai servizi.

Per la scuola dell’infanzia, su indicazione del direttore generale della Regione Emilia Romagna, Settore cura della persona, salute e welfare, al fine di diminuire gli adempimenti a carico delle famiglie, la Pediatria di Comunità competente ha inviato a tutte le famiglie dei minori nati negli anni 2012-2013 e 2014 l’attestazione che riporta il rispetto degli obblighi vaccinali previsti dalla normativa, in caso di minore in regola con tali obblighi in base all’anno di nascita. Nel caso, invece, in cui il minore non abbia effettuato tutte le vaccinazioni obbligatorie, viene indicato l’appuntamento per completare il ciclo vaccinale.

Bab

Pubblicato giovedì 14 settembre 2017 alle 00:02

Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.

Brevi quotidiane

Ultimi articoli

Ultimi interventi

Parole di Vita

Archivio Documenti