La famiglia alla Maratona Alzheimer

I Gambino, romagnoli di adozione, parteciperanno alla corsa di solidarietà promossa da Amici di Casa Insieme, domenica 17 settembre da Mercato Saraceno a Cesenatico

CESENA – Prima nella pancia poi nel passeggino, purché runner. Alla sesta edizione della Maratona Alzheimer, che si svolgerà nel territorio Cesenate che va da Mercato Saraceno a Cesenatico il 17 settembre con iniziative collaterali già da venerdì 15, correrà anche la piccola Zoe sulle quattro ruote del passeggino. Ma non da novizia perché aveva già partecipato nella pancia della mamma, la più giovane maratoneta della storia.

“Perché corri?”. Quante volte ci siamo sentiti fare questa domanda – raccontano Silvia e Dario Gambino, con Zoe ormai storici podisti per la lotta contro l’Alzheimer -. Il più delle volte la risposta è: per stare meglio. Alla Maratona Alzheimer, invece, la risposta corretta è: per far stare meglio gli altri. Un obiettivo tanto forte da averci convinti a debuttare nel mondo del podismo. Nel 2014 la nostra prima edizione, siciliani di nascita ma da qualche mese romagnoli d’adozione. Sì, ce la faremo, ci siamo detti. Siamo in tre. O meglio, due e mezzo. Dentro la pancia di Silvia dorme Zoe, siamo al settimo mese di gravidanza. La foto di rito con la maglia, andatura un po’ lenta, ma i 16 chilometri volano via e non riusciamo a smettere di sorridere un attimo pensando che, la prossima edizione, in qualche modo anche Zoe farà parte di questa grande famiglia. Perché durante la Maratona Alzheimer si incontrano tante persone. E tutte sembrano far parte della tua vita da sempre. Competitivi o meno, ci si scambia uno sguardo d’incoraggiamento e un sorriso. Da questa prima esperienza è iniziata la nostra avventura come camminatori, prima, e podisti della domenica poi”.

“Un anno passa in fretta e non manchiamo l’appuntamento. Settembre 2015. Zoe è nata da otto mesi. E così, nel marsupio, affronta con noi il percorso. Riconosciamo ogni curva, salita, attraversamento. Tutti evocano un ricordo. La nostra famiglia, del resto, è nata qui. Affascinati dagli ’spingitori’, li osserviamo con tanta ammirazione mentre portano al traguardo i loro compagni di viaggio. Un po’ con mamma, un po’ con papà, Zoe taglia il traguardo di Cesenatico dormendo”.

“Adesso siamo alle porte dell’edizione 2017. Per la prima volta, alla ’nostra’ Maratona Alzheimer, indosseremo un pettorale, quello della “42,195” (meglio essere precisi, perché 195 metri, dopo 42 chilometri, contano eccome). Anche questa volta non correrà Dario, Silvia o Zoe. Correrà la famiglia Gambino. Tutti indosseremo la maglia del G.P. Endas Cesena. Questa volta toccherà a noi spingere, ma il passeggino. Presumibilmente, come in tutte le gare degli ultimi anni, Zoe dormirà beata godendosi, senza forse neppure rendersene conto, la grandiosità di una gara che è inevitabilmente parte di noi”.

Pubblicato giovedì 7 settembre 2017 alle 00:01

Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.

Brevi quotidiane

Ultimi articoli

Ultimi interventi

Parole di Vita

Archivio Documenti