Ricordato ieri sera a Sogliano il nunzio apostolico Pietro Sambi

Tanta gente ieri sera a Sogliano per il sesto anniversario della morte di monsignor Pietro Sambi, arcivescovo e nunzio apostolico originario del paese della valle del Rubicone. C’erano anche, tra il folto pubblico, il vescovo di Cesena-Sarsina, monsignor Douglas Regattieri, e l’arcivescovo di Urbino, monsignor Giovanni Tani, anche lui originario di Sogliano.

Il sindaco di Betlemme, Anton Salman, in carica da tre mesi, ha ripercorso per la prima volta in pubblico, tutta la vicenda dell’assedio alla basilica della natività. Anche lui era tra gli assediati. Ha ricordato come la loro àncora di salvezza fosse sempre stato monsignor Sambi, a cui, in quei drammatici giorni, fecero ricorso numerosissime volte. “La nostra sicurezza era monsignor Sambi – ha ripetuto a più riprese -. Eravamo in 240, di dieci partiti diversi e di 17 nazionalità diverse. In ogni momento si poteva morire – ha aggiunto il sindaco di Betlemme -. Nessuno pensava di uscire vivo da là dentro. Stai tranquillo, mi ripeteva monsignor Sambi, gli israeliani non entreranno mai in basilica. Non aver paura. Io sto lavorando”.
Il sindaco di Sogliano, Quintino Sabattini, ha ribadito la volontà di fare della casa che fu dell’arcivescovo un centro internazionale per la pace. L’inviato speciale dell’Espresso, Gigi Riva, che ha conosciuto molto bene il nunzio apostolico ed è stato più volte suo ospite, ha affermato che Sambi è stato un personaggio “in grado di deviare il corso della storia”.
Al termine della serata, a padre Ibrahim Faltas della Custodia di Terra Santa è stato regalato un serviziopepr celebrare Messa appartenuto a monsignor Pietro Sambi. Evidente l’emozione del francescano Faltas, grandissimo amico di Sambi e di Sogliano al Rubicone, dove torna ogni anno per ricordare il nunzio-arcivescovo.
Nella foto, da sinistra, l’inviato dell’Espresso, Gigi Riva, padre Ibrahim Faltas, il sindaco di Betlemme, Anton Salman e il sindaco di Sogliano al Rubicone, Quintino Sabattini.

dav

Pubblicato mercoledì 6 settembre 2017 alle 09:02

Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.

Brevi quotidiane

Ultimi articoli

Ultimi interventi

Parole di Vita

Archivio Documenti