Abbonamenti all’autobus, arrivano nuove tariffe

Trasporto scolastico: per i più ricchi tessera più costosa, sconti per i redditi più bassi

CESENA – Abbonamento studenti al bus: cambia tutto. Il Comune di Cesena ha cancellato lo sconto di 50 euro, riservato fino allo scorso anno a tutte le famiglie, in favore di una differenziazione per fasce di reddito.

I più ricchi pagheranno circa il 40 per cento in più, quelli con redditi minori fino al 20 per cento in meno.

Fino allo scorso anno l’abbonamento scolastico costava alle famiglie 140 euro a fronte di un costo effettivo per Avm di 190 euro. I restanti 50 euro erano integrati con fondi del Comune.

Dall’anno scolastico 2011-2012 viene introdotto invece anche per questo servizio il “quoziente Cesena” con la divisione delle famiglie in 5 fasce, a seconda dell’indicatore Isee. Non si tratta del semplice reddito lordo, ma del reddito equivalente Isee così come calcolato dai centri di assistenza fiscale.

Per redditi Isee fino a 10mila euro l’abbonamento costerà 111 euro. Tagliando a 116 euro per i redditi sino a 15mila euro Isee e abbonamento a 140 euro (come l’anno scorso) per quelli fino a 20mila euro. Rincari salati per le ultime due fasce: 186 euro l’anno per i redditi fino a 30mila euro Isee e 196 euro l’anno per quelli superiori. Il terzo figlio e quelli successivi hanno diritto all’abbonamento gratuito, un premio per le famiglie numerose. Fino allo scorso anno solo il quarto figlio poteva avere l’abbonamento gratis, mentre il secondo figlio pagava l’abbonamento 90 euro e il terzo 40 euro (indipendentemente dalle fasce di reddito).

Qualche contentino viene comunque riservato agli studenti che prenoteranno in anticipo il rinnovo del proprio abbonamento. Per ogni prenotazione online effettuata entro il 31 luglio, anche non confermata successivamente, si avrà diritto ad una sim-card telefonica del gestore 3 con un pacchetto di minuti di conversazione e di sms gratuiti fino a fine anno, oltre ad una tessera per la visione di un film alla settimana gratis nei cinema convenzionati.

Lo studente parteciperà poi all’estrazione di premi. Chi si è prenotato in anticipo potrà pagare l’abbonamento, a partire dal primo settembre, saltando la fila e trovando la propria tessera già stampata presso uno sportello dedicato.

Tessera che, da quest’anno, diventa magnetica e porta con sé una novità: dovrà essere validata ogni volta che si accede al bus, pena una mini multa di 5 euro.

“Si tratta di un cambio di abitudini notevole – ha spiegato in conferenza stampa il presidente di Avm Ubaldo Marra – che porterà però con sé grandi vantaggi. Validando l’abbonamento volta per volta, infatti, saremo in grado di pianificare meglio l’impiego dei mezzi sulle diverse linee, tarando al meglio la capienza e migliorando il servizio”.

Con la stessa tessera magnetica si potrà poi accedere, entro la fine dell’estate, al servizio di biciclette pubbliche e, entro il 2012, alle linee ferroviarie.

MiB

Pubblicato giovedì 9 giugno 2011 alle 00:03

Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.

Brevi quotidiane

Ultimi articoli

Ultimi interventi

Parole di Vita

Archivio Documenti